Staffetta Experience_MINOR

STAFFETTA EXPERIENCE

La Staffetta di Scrittura Creativa non si esaurisce con la realizzazione di un capitolo in una decina di giorni. Il progetto cui si partecipa non è solo questo o, perlomeno, non contempla solo quest’attività. Alla stesura di una breve narrazione, infatti, è necessario affiancare quelle molteplici attività che rendono completa la scrittura del capitolo e l’adesione al format.
Per questo parliamo di Staffetta Experience, di esperienze, cioè, in grado di far entrare alunni e docenti nel vero spirito della Staffetta che coinvolge, entusiasma e chiede la ricerc/Azione verso momenti capaci di arricchire sempre di più il lavoro che si svolge in classe.

I LABORATORI BIMED EXPERIENCE

Il catalogo dei nostri laboratori contiene una serie di attività che abbiamo selezionato nel corso di anni e anni di esperienze. Con la nostra attività laboratoriale operiamo in tutti i campi del disciplinare avendo come riferimento le competenze di cittadinanza e, se è vero come è vero, che questo ci permette di interagire sulle conoscenze muovendo azioni in grado di stimolare le abilità, ci consente anche di vivere e far vivere la dimensione dell’educational in un’aura di piacevolezza che lega operatori, docenti e studenti facendoli sentire un insieme unico volto verso l’apprendimento. Ogni laboratorio ha come obiettivo prioritario quello di contribuire a rendere libero il soggetto attraverso il sapere, per questa ragione le finalità sono sempre specificate, chiare, operative e muovono verso il saper fare, il saper essere in sé, con e per gli altri.

I laboratori per i più piccoli sono la chiave di volta che crea in loro  gli stimoli, la curiosità e quell’agone della sfida che li accompagnerà facendoli sentire protagonisti della e nella vita oltre ad una serie infinita di occasioni per la comunità.

CLICCA QUI PER SCARICARE IL CATALOGO DEI LABORATORI MINOR.

GO SMART BILINGUAL
GO SMART è un progetto didattico innovativo per l’apprendimento precoce della lingua inglese che attraverso nuove e innovative metodologie come T.P.R.M. (Total Physical Response Modeling) e l’ E.L. (Empatic Learning) propone diverse e  stimolanti attività con l’obiettivo prioritario di rendere i bambini  capaci di comprendere e parlare in inglese con la stessa naturalezza della lingua madre.
GO SMART favorirà l’apprendimento di strutture linguistiche  comuni legati alla quotidianità della routine scolastica e familiare attraverso l’utilizzo di codici linguistici semplici legati al vissuto del bambino e ai suoi bisogni.
Il Total Physical Response Modeling è una strategia didattica che associa un comando al movimento corrispondente. E.L. (Empatic Learning) pone il bambino e le sue emozioni  al centro del processo d’apprendimento. Le funzioni fonologiche e linguistiche vengono acquisite in un contesto naturale e legato alla routine e sono veicolate attraverso il gioco e lo storytelling.

IL GIOCO STAFFETTA

È un ottimo strumento che mescola la didattica al divertimento e permette ai ragazzi di affidarsi sempre meno al cellulare o al pc, ma si basa su memoria e competenze personali. L’attività accresce il piacere della lettura e grazie alle domande relative al racconto, genitori e insegnanti hanno a disposizione uno strumento efficace e divertente con cui verificare l’avvenuta comprensione del testo da parte dei ragazzi. Il gioco staffetta si suddivide in 3 tipologie a seconda delle categorie che lo realizzano: il Memory (MINOR), la Staffetta delle Staffette (MAIOR/MEDIE), il Trivial della Staffetta (JUNIOR/SENIOR).

Memory -> È composto da un tabellone e dai dischetti memory ispirati ai disegni della Staffetta. È uno strumento prezioso per intervenire nelle aree di sviluppo del bambino.
Dopo aver sistemato il tabellone sul pavimento, su un banco di scuola, su un prato o sulla spiaggia… bisogna disporre le tessere del memory capovolte. Le squadre saranno composte da 4/6 giocatori. Poi… si inizia! Chi gira due tessere identiche continua fino a quando non sbaglia voltandone due diverse e lasciando il gioco alla squadra avversaria…

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ

LA STAFFETTA DELLE FAMIGLIE

La Staffetta delle Famiglie è un’esperienza di continuità educativa orizzontale e rappresenta il voler mettere in atto qualcosa di straordinario. In realtà tutto questo è nato grazie alla piena volontà e alla completa adesione ai valori del progetto da parte delle famiglie. Abbiamo messo insieme così una comunità di pratica che travalica le mura scolastiche e si consolida grazie all’interazione tra tutti gli attori del processo di crescita che continua e continuerà, con la Staffetta di Scrittura, a disseminare un’idea di società che sia in grado di far dialogare le generazioni, mettendole insieme, affermando il valore della cooperazione, superando i pregiudizi e amando quell’idea di cultura che ci avvicina ai “saperi” nell’intento di percorrere la strada della conoscenza proiettati verso il bene. Questa Staffetta è particolarmente indicata per attivare processi che facciano partecipare le famiglie all’esperienza di scrittura e lettura collettiva e condivisa dei bambini. Le famiglie che hanno preso parte a questa iniziativa hanno ricevuto uno strumento di dialogo e di riflessione con i propri figli dando valore alla dimensione della lettura e della scrittura collettiva come elemento trasversale che attraversa i percorsi di crescita dei bambini.

CLICCA QUI PER SCOPRIRE L’ESPERIENZA DELLA STAFFETTA DELLE FAMIGLIE.

FIABE IN MOVIMENTO

I bambini adorano ascoltare storie, racconti, favole, e anche per noi adulti è molto più semplice veicolare messaggi e insegnamenti attraverso racconti fantasiosi. Attraverso il percorso delle Fiabe in movimento rendiamo il bambino protagonista di un’esperienza di movimento in modo più coinvolgente. Mediante il racconto, infatti, egli si immedesima nel personaggio e nelle vicende narrate e con naturalezza allena il corpo e la mente.
L’idea che un gruppo di persone possa relazionarsi in atti danzanti liberatori è tanto più possibile quanto più si pensa a una free-dance, nella quale il corpo non deve apprendere alcuna coreografia di gruppo, come ad esempio i gesti-movimenti delle danze più comuni che noi tutti più o meno conosciamo. Se davvero dovessimo pensare a bambini, genitori, insegnanti, etc… che in un evento estemporaneo possano liberare anche la loro più elementare e/o primitiva motricità danzante, dovremmo farlo semplicemente sul criterio dell’esternalizzazione collettiva delle proprie istintive azioni motorie. L’unico criterio che lega questa idea collettiva di free-dance è che ognuno possa muoversi cercando di seguire gli impulsi primari che ogni musica-motoria mostra in modo chiaro ed evidente.

LE CARTE DELLE EMOZIONI

Le Carte delle Emozioni sono carte un po’ speciali. Con questo mazzo di carte si possono fare molte attività per grandi, piccoli e famiglie.
Esse nascono da una riflessione molto semplice: al centro delle storie che ricordiamo nel tempo ci sono le emozioni. Inoltre sono adatte anche a chi non sa leggere, non ha ancora imparato o non ha molta familiarità con la nostra lingua. Infatti, accanto al testo scritto, vi è un disegno che racconta, a volte meglio delle parole, l’emozione che si sta esplorando.
Come utilizzare le carte? Mettete il mazzo di carte ben in vista, pescate una carta, esploratela, guardatela, leggetela, rovesciatela e poi, a partire da quello che vi suggerisce, iniziate una storia. Quando avete terminato la vostra parte di racconto passate il testimone a chi viene dopo di voi. C’è anche la carta arcobaleno: un jolly per cambiare emozione se quella che avete pescato non vi piace.

SCARICA QUI LE CARTE DELLE EMOZIONI

LA PIATTAFORMA CYRANO

L’attività della Staffetta da diversi anni punta all’interdisciplinarietà. Una delle attività cardine riguarda lo studio delle lingue straniere. Attraverso l’interazione con l’Università degli Studi di Salerno abbiamo sviluppato la piattaforma multilingue Cyrano, un destrutturatore di blocchi idiomatici che consente l’apprendimento delle lingue in situazione e attiva metodologie inclusive e in linea con le norme ministeriali di riferimento. Il coinvolgimento del docente nelle pratiche di apprendimento, con l’utilizzo della piattaforma, è un valore aggiunto di straordinario interesse anche in considerazione del fatto che grazie all’opera di mediazione dello stesso è possibile utilizzare lo studio delle lingue straniere per veicolare competenze inerenti più ambiti e collegate nella sostanza con la cittadinanza europea. La piattaforma è, inoltre, uno strumento straordinario per dare significato alla relazione e all’interazione con altre scuole europee che si intende coinvolgere nei processi formativi (p.e. gemellaggi, scambi, lezioni a distanza, etc) La piattaforma Cyrano è diventata negli ultimi anni ancora più attiva! Oltre alla possibilità di dialogare in diverse lingue in ambito globale attraverso il social networking e il sistema di traduzione simultanea, secondo un calendario stabilito, sono previsti inserimenti di lezioni, dialoghi e esercizi in lingua inglese. Abbiamo immaginato di accompagnare i ragazzi e i docenti lungo un percorso finalizzato a fornire loro non solo lo strumento, ma anche input guida volti a raggiungere gli obiettivi previsti in seno agli indicatori di qualità, utilizzando un metodo diverso per apprendere e comunicare in una modalità che i nostri ragazzi sentono più vicina al loro mondo, quella dei social network. I test sulla piattaforma ci danno un riscontro molto rilevante che è collegato al fatto che la modalità di relazione con le lingue per ogni livello è strutturato in maniera ludica con uno sfondo sempre legato e finalizzato a stimolare la curiosità degli studenti.
Le classi che aderiranno alla piattaforma per un’ora settimanale dialogheranno con le altre classi Staffetta (Senior con Senior, Medie con Medie, infanzia con infanzia etc) attraverso questo strumento. L’esercizio porterà a un attestato riconosciuto e propedeutico alle certificazioni di Competenze linguistiche. Per le Senior (gli studenti del triennio delle superiori) la partecipazione ai lavori della piattaforma Cyrano è connessa agli adempimenti dell’Alternanza Scuola Lavoro.

Scopri QUI Cyrano!
Scopri QUI il programma MINOR di Cyrano che accompagna la Staffetta 2020/21.

LE STAFFETTE SPECIALI

La ricerc/Azione che attiviamo annualmente sulla Staffetta ci permette di determinare sperimentazioni finalizzate a ottimizzare l’offerta formativa. Le Staffette Speciali forniscono specifiche connotazioni di esercizio che legano la narrazione a ambienti ritenuti sempre più fondamentali in funzione della crescita e della cittadinanza tenendo conto di quanto proposto e sancito dal MIUR in ambito al Piano Triennale delle Arti. All’interno della disciplinarità anche più essenziale, in sostanza, va sempre rintracciata l’apertura inter e transdisciplinare: la “parte” che si lega al “tutto” e il tutto che non si dà se non come parte. E dentro, o dietro, le ‘educazioni’ che scandiscono l’educazione alla Convivenza civile, vanno sempre riconosciute le discipline, così come attraverso le discipline non si fa altro che promuovere l’educazione alla convivenza civile e, attraverso questa, nient’altro che l’unica educazione integrale di ciascuno a cui è indirizzata tutta l’attività scolastica.

L'ALBO SENZA PAROLE

Per le classi dell’Infanzia

Un albo senza parole gioca sugli sguardi, sulle prospettive e sulla sorpresa. A volte anche se le parole sono assenti, le immagini permettono che il contenuto assuma ancora più spessore. È la magia della narrazione, la forza della sottrazione e dell’immagine che riempie il non detto di un senso ulteriore.
Gli albi senza parole sono una finestra verso le possibilità della fantasia. La specificità sta dunque nell’illustrazione: questo non li rende a uso esclusivo dei bambini che non essendo ancora alfabetizzati possono vagare tra altri linguaggi, ma aprono le porte a un nuovo modello di narrazione anche per gli adulti più avventurosi. La sperimentazione di quest’anno vede coinvolte le famiglie, le scuole e i bambini nella realizzazione di un prodotto unico dai tratti artistici audaci, capaci di mettere a tacere, di frenare l’eccesso di parole, di farci fermare a bocca aperta.

Attorno all’idea di una storia condivisa, le famiglie scrivono una storia composta di dieci capitoli di quindici righe. La stesura della storia termina a dicembre.
A gennaio le maestre e i bambini avranno a disposizione la storia, potranno ascoltarla, giocarci, improvvisare, disegnare, costruire attività legate al racconto.
Le maestre con il supporto del Tutor Bimed, costruiscono uno storyboard condiviso. A questo punto entrano in gioco i bambini che da gennaio a marzo disegneranno la storia senza parole.
Ogni gruppo cura un aspetto preciso della storia: un personaggio, uno sfondo, un oggetto, seguendone le vicende per tutto il racconto. Alla fine tutti i disegni vengono uniti in una narrazione complessiva.
L’albo senza parole diventa realtà.

CLICCA QUI PER SCOPRIRE L’ALBO SENZA PAROLE 2019/20.