Premio Scriviamo – Le sperimentazioni

Negli ultimi anni la Staffetta propone alcuni percorsi di scrittura sperimentali che valorizzano il lavoro del territorio e l’impegno dei docenti che vi aderiscono.
In particolare nell’anno 2019/20 sono state attivate: la Staffetta delle Famiglie (III edizione), l’albo senza parole, il percorso degli asili Nido, le carte degli ambienti e le carte dei personaggi ispirate dalle bibliografie della Staffetta.

Le sperimentazioni: un questionario per conoscere i docenti

Lo Staff Bimed ha deciso di scoprire con un questionario chi sono le insegnanti che aderiscono a questi particolari percorsi sperimentali, cosa le spinge ad aderire a questa attività, in quale contesto lavorano, e quanta esperienza in campo educativo hanno maturato.

I docenti e la scuola nella quale operano
Il mondo dei servizi educativi che il questionario ha fotografato è connotato da insegnanti ed educatori che lavorano nella sezione primavera, nella scuola dell’infanzia (36,8%), nell’asilo nido (26,3%), nella scuola primaria (15,8%) e nella scuola media (10,5%).
Si tratta prevalentemente di scuole comunali (63,2%) o statali (31,6%).
Su questo dato incide indubbiamente la presenza degli asili nido che sono comunali. Esigua la presenza di realtà private, paritarie o convenzionate.

L’età media dei docenti
I docenti e gli educatori di realtà pubbliche hanno dai 41 ai 55 anni (il 70% circa) e oltre (15,8%). Solo un gruppo minoritario è al di sotto dei quarant’anni (15,85).
La fotografia si sovrappone all’età media dei docenti italiani anche se, in particolare per la fascia 0/6 anni, vi sono realtà in media più giovani.
Sono docenti preparati, diplomati (circa la metà) e laureati (l’altra metà).

Quali docenti aderiscono ai progetti sperimentali
Aderire a un percorso sperimentale sembra essere una scelta consapevole da parte di chi ha maturato un’anzianità di servizio oltre i dieci anni (36,8%) spesso oltre i venti o trenta anni di lavoro (più del 25%) oppure un’anzianità media intorno ai dieci anni (25%).

Il ruolo di docente di classe o di sezione è ampiamente prevalente (63,2%) con una forte presenza di educatrici, insegnanti di scuola dell’infanzia, e una significativa presenza di docenti di sostegno. Rispetto alla materia insegnata molti insegnanti rispondono di “contribuire allo sviluppo psicomotorio, cognitivo ed emozionale del bambino” oppure di insegnare “materie artistiche, scientifiche, motorie, ed attività mirate per lo sviluppo dell’autonomia”.

I bambini che hanno partecipato alla sperimentazione
I gruppi di bambini che hanno partecipato alle sperimentazione comprendevano in maggioranza tra le venti e le venticinque unità (oltre la metà del campione) seguiti da gruppi tra i quindici e i venti bambini (circa un quarto). Colpisce una percentuale di gruppi oltre le venticinque unità (10,5%). In questi gruppi sono presenti in media uno o due alunni BES, una percentuale in linea con la media delle classi. Gruppi di bambini, dunque, assolutamente sovrapponibili alle realtà del territorio nazionale.

Attraverso quale “canale” è stata scoperta la Staffetta?
Scoprire la Staffetta e la sua comunità di pratica educativa inclusiva sembra passare attraverso il passaparola tra colleghi e amici (circa la metà del campione) o attraverso esperienze di formazione dedicate (circa un quarto). Il canale istituzionale della segreteria e del Dirigente conclude il quadro.

Quando si intraprende un percorso sperimentale?
La metà delle docenti fa la Staffetta da almeno tre anni, un quinto da due anni e solo un quinto intraprende un percorso sperimentale alla prima esperienza col format.
Quindi la scelta di partecipare a un percorso sperimentale viene maturata quando si conosce la Staffetta e i suoi meccanismi di base. Infatti circa la metà delle docenti segna la sua “prima volta” in un percorso nuovo. Alcune (circa un terzo) avevano già provato la Staffetta delle Famiglie che nell’anno 2019/20 è giunta alla terza edizione.
L’avventura della Staffetta è condivisa all’interno della scuola come percorso di continuità orizzontale (altri docenti della scuola partecipano a percorsi sperimentali) o verticale come momento di continuità con la scuola dell’infanzia.
Poco più di un terzo del campione intervistato ha partecipato agli albi senza parole nella scuola dell’infanzia, un quarto alla Staffetta delle Famiglie, un sesto alle carte degli ambienti (medie) e dei personaggi (primaria) e un sesto alla Staffetta dei Nidi.

La Staffetta è un percorso inclusivo? Perché?
A questa domanda i docenti (e riportiamo solo alcuni interventi) hanno risposto in modo positivo e molto variegato sottolineando i diversi livelli di coinvolgimento:
– le famiglie (“Aiuta e coinvolge le famiglie in modo piacevole perché è un modo di socializzare e dare spazio alla fantasia”; “Partecipano anche genitori distanti dalle iniziative proposte dalla scuola in precedenza”);
– i colleghi (“perché dà la possibilità di lavorare insieme e di confrontarsi sia con i colleghi sia con le famiglie”;  “Stimola la collaborazione tra i docenti”);
– la comunità scolastica (“Ognuno ha l’opportunità di partecipare attivamente contribuendo ad un progetto comune che è uno strumento che unisce culture, pensieri, tradizioni diverse”).

Quel che è emerso dal questionario è che la Staffetta con le sue sperimentazioni si rivela uno strumento potente, in grado di essere efficace anche a distanza, di generare coesione e coinvolgimento e di aggregare intorno a sé quella comunità di pratica che condivide una visione di scuola inclusiva e accogliente per tutti.

La Staffetta delle Famiglie

La Staffetta delle Famiglie è un’esperienza di continuità educativa orizzontale e rappresenta il voler mettere in atto qualcosa di straordinario. Tutto questo è nato grazie alla piena volontà e alla completa adesione ai valori del progetto da parte delle famiglie. Abbiamo messo insieme, così, una comunità di pratica che travalica le mura scolastiche e si consolida grazie all’interazione tra tutti gli attori del processo di crescita che continua e continuerà, con la Staffetta di Scrittura, a disseminare un’idea di società che sia in grado di far dialogare le generazioni, mettendole insieme, affermando il valore della cooperazione, superando i pregiudizi e amando quell’idea di cultura che ci avvicina ai “saperi” nell’intento di percorrere la strada della conoscenza proiettati verso il bene. Questa Staffetta è particolarmente indicata per attivare processi che facciano partecipare le famiglie all’esperienza di scrittura e lettura collettiva e condivisa dei bambini. Le famiglie che hanno preso parte a questa iniziativa hanno ricevuto uno strumento di dialogo e di riflessione con i propri figli dando valore alla dimensione della lettura e della scrittura collettiva come elemento trasversale che attraversa i percorsi di crescita dei bambini.

Clicca e visita la pagina della Staffetta delle Famiglie

L'albo senza parole

Un albo senza parole gioca sugli sguardi, sulle prospettive e sulla sorpresa. A volte anche se le parole sono assenti, le immagini permettono che il contenuto assuma ancora più spessore. È la magia della narrazione, la forza della sottrazione e dell’immagine che riempie il non detto di un senso ulteriore.
Gli albi senza parole sono una finestra verso le possibilità della fantasia.

Clicca e scarica l’Albo senza parole

Le carte delle storie

La lettura delle bibliografie che ogni anno accompagnano le cinque categorie Staffetta, può poi essere utilizzata per dar vita alle carte delle emozioni, degli ambienti e dei personaggi. Elementi, questi ultimi, che forniscono l’input per creare storie e ancora storie e ancora emozioni.
Ecco uno dei tanti pareri, emersi dal questionario, e inerenti le carte.

Abbiamo letto il libro La collezione di Joey, divisi i bimbi in isole/gruppi da 4/5 e poi dato a ognuno un quarto di foglio A4 con la seguente consegna:”Disegnate un oggetto e raccontate al gruppo l’oggetto disegnato. Poi ritagliatelo e assemblate gli oggetti del vostro gruppo tutti insieme come faceva Joey nel libro creando qualcosa di nuovo. Infine, sempre in gruppo, scrivete qualcosa riguardo al vostro ‘personaggio’ . Qualcosa che possa essere suggestione o dare delle informazioni su di lui che dia buoni spunti per iniziare a narrare”.

Per gli ambienti, invece, abbiamo lavorato sulle suggestioni poetiche.
A partire dall’esplorazione libera della bibliografia della Staffetta abbiamo chiesto ai ragazzi di disegnare un ambientazione inserendo sul retro una breve suggestione poetica che potesse aiutare a “interpretare” quanto avevano proposto.
Abbiamo lavorato con la lingua inglese, partendo da poesie celeberrime ascoltandole, scomponendole, traducendole. Abbiamo utilizzato la stessa tecnica con poesie famose della letteratura italiana.
Infine abbiamo preso gli obiettivi dell’agenda 2030 e li abbiamo tradotti in ambienti che abbiamo disegnato.

Clicca e scarica le Carte delle Emozioni

Clicca e scarica le Carte degli Ambienti

Clicca e scarica le Carte dei Personaggi

Il Multifinale Rodariano
L’esperienza del Multifinale Rodariano è una chiusura “partecipata” del progetto e si è rivelata un’esperienza di felicità a scuola. Emerge chiaramente quanto sia efficace e produttivo  il coinvolgimento dei genitori e degli adulti di riferimento nelle attività didattiche ai fini dell’apprendimento, dello sviluppo delle competenze chiave di cittadinanza e dello sviluppo armonico della personalità dei nostri bambini e ragazzi. Così come un incipit unisce piccoli scrittori di scuole diverse in una narrazione a diecimilamani, la formula del Multifinale Rodariano, partito dall’Istituto Comprensivo S. Leone di Sessa Aurunca,  viaggia e arriva in ogni scuola per scrivere INSIEME ai bambini e ai docenti, agli scrittori e ai tutor, ai genitori e ai dirigenti scolastici altre belle pagine di felicità!
Sono stati proprio i bambini a passare il testimone ai genitori  spiegando la storia attraverso uno splendido Kamishibai realizzato con l’ insegnante e invitando i genitori a inventare il finale.  Anche alla Dirigente Scolastica dell’I.C.S.Leone, dott.ssa Maria Luisa Tommasino, i bambini hanno chiesto  “in dono” un finale alla storia: ha dato un bell’esempio di dedizione alla scuola, alla Staffetta e della capacità di mettersi in gioco. Anch’io mi sono divertita a inventare una conclusione, ispirandomi alla “comicità escrementizia” di Rodari, spero vi piaccia. Non poteva mancare il  finale inventato dalla tutor della Staffetta, Emanuela Cioffi: dopo aver seguito il racconto, capitolo dopo capitolo, ha raccolto il testimone per donare il “suo” finale. Grazie alla sua tenacia è stata possibile questa sperimentazione collegata ad una proposta della Bimed di rinnovare la didattica con lo stile di Rodari, in occasione del centenario della sua nascita. E… un grazie immenso anche a te che leggi: con il finale che scriverai alla pagina del lettore, renderai questa storia ancora più speciale!

Di finali ne abbiamo tanti, prendeteli tutti quanti!
E se questa storia non ti piace com’è, cambiala da cima a fondo,
fattene un’altra da te!”

Clicca e scarica il libro con il Multifinale Rodariano 2019-2020

Clicca e scarica il libro con il Multifinale Rodariano 2020-2021

Staffetta di Scrittura in Ospedale

Il primo grazie è per Paola Faorlin, docente e ricercatrice autorevole con cui riusciamo a condividere visioni che non hanno bisogno di patti perché scaturiscono dall’empatia e da quel comune sentire che ci permette di percorrere gli stessi cammini senza il bisogno di evocare i principi etici che, piuttosto, preferiamo praticare. Grazie a Paola questa bellissima storia che è la Staffetta di Scrittura si è congiunta con i bambini che transitano nel reparto pediatrico del Gaslini. Di questi bambini abbiamo parlato tanto, di questa esperienza dobbiamo continuare a raccontare, perché la forza straordinaria che si percepisce immaginandoli a contatto con un foglio bianco, a giocare con la penna, a parlare insieme inseguendo i tratti della loro narrazione, è qualcosa che commuove e ti permette di verificare che, sì, è vero… è proprio vero che la creatività, il dialogo, lo stare insieme e il condividere sono una ineludibile determinante di ben/essere.

Clicca e scarica il libro Piccolo coraggioso RubenPiccolo coraggioso Ruben

Clicca e scarica il libro Ruben e la Polvere magica

Clicca e scarica il libro Piccoli Grandi Eroi

La Staffetta Clil

La sperimentazione che mettiamo in atto quest’anno con la disponibilità e la competenza della docente Filomena D’Urso dell’I.C. di Minturno e dall’idea di Isabella Sorgente autrice dell’Incipit “Le avventure di Bea e Viola” e Tutor della Staffetta Minor 14, ha come obiettivo la volontà di avvicinare i bambini dell’infanzia all’apprendimento della lingua inglese. La ragione di questa sperimentazione risiede nella fiducia e nelle capacità dei bambini, e nelle strategie professionali dei docenti. Le Indicazioni Nazionali per il Curricolo della scuola dell’Infanzia e del primo ciclo di istruzione auspicano il pluriliguismo ed ambienti di apprendimento autentici per esercitare l’attitudine dei bambini a “fare con la lingua inglese”, a divertirsi scoprendo vocaboli e codici linguistici nuovi. La metodologia CLIL è già messa in campo nella scuola primaria e nella scuola secondaria di I e II grado, mentre è ancora poco diffusa nella scuola dell’infanzia.

Clicca e scarica il libro della Staffetta Clil