Staffette Speciali_MINOR

Ogni scuola di diverso indirizzo educativo-formativo, come ogni giovane studente e studentessa che la frequenta, sono la chiara dimostrazione di una fucina in grado di dar vita a diverse forme di intelligenza (cfr. Howard Gardner, Formae Mentis). Queste intelligenze multiple e diverse, troppo spesso non si incontrano, non si confrontano, percorrono singole strade di pratiche e di teorie che, al contrario, per arricchirsi, potenziarsi e liberarsi, dovrebbero intrecciarsi. Sì, è questo intreccio di forme mentali che le nostre staffette speciali vogliono promuovere per evitare quel chiuso che isola i diversi indirizzi di studio creati da principi gerarchici oggi non più giustificati. Il diritto ad ogni forma di studio è prima di tutto il diritto inalienabile alla evoluzione di intelligenze diverse che sanno rispettare sempre e comunque la vita, di tutti.

La ricerc/Azione che attiviamo annualmente sulla Staffetta ci permette di determinare sperimentazioni finalizzate a ottimizzare l’offerta formativa e quest’anno di porre in essere un’attività che coinvolge gli studenti di ogni ordine e grado. A seguire daremo indicazioni per alcune specifiche connotazioni di esercizio che legheranno la narrazione a ambienti ritenuti sempre più fondamentali in funzione della crescita e della cittadinanza. Quanto appresso tiene conto anche di quanto proposto e sancito dal MIUR in ambito al Piano Triennale delle Arti.

A seguire, dunque, le indicazioni per collegare alla scrittura del capitolo attività inerenti la musica, la matematica, le attività coreutiche, l’innovazione tecnologica, etc., partendo dall’elenco delle specificità che abbiamo immaginato per poi descriverne in abstract i contenuti che saranno seguiti da un tutor esperto del settore.

La Staffetta Clil

La sperimentazione messa in atto lo scorso anno ha avuto come obiettivo la volontà di avvicinare i bambini dell’infanzia all’apprendimento della lingua inglese.
Per la nuova Staffetta contiamo di ripetere l’esperienza dedicando una delle storie Minor al percorso Clil.

Perché?

La ragione di questa sperimentazione risiede nella fiducia e nelle capacità dei bambini, e nelle strategie professionali dei docenti. Le Indicazioni Nazionali per il Curricolo della scuola dell’Infanzia e del primo ciclo di istruzione auspicano il pluriliguismo ed ambienti di apprendimento autentici per esercitare l’attitudine dei bambini a “fare con la lingua inglese”, a divertirsi scoprendo vocaboli e codici linguistici nuovi. La metodologia CLIL è già messa in campo nella scuola primaria e nella scuola secondaria di I e II grado, mentre è ancora poco diffusa nella scuola dell’infanzia.

Come?

L’idea è di proporre strategie di insegnamento mediante le quali attivare tutte le facoltà intellettive dei bambini, che coinvolgano simultaneamente il metodo didattico e l’ambiente di apprendimento dove le differenze di ognuno diventano una risorsa, non un limite ma un vantaggio per gli altri.

L’obiettivo della sperimentazione è proporre attività multi sensoriali, che possano coinvolgere tutti e che diano a tutti la possibilità di apprendere al meglio, promuovendo i valori della Staffetta e utilizzando l’approccio comunicativo, l’approccio umanistico-affettivo e l’approccio multi-sensoriale. Le attività di ricerca collegate al progetto permettono un lavoro di raccolta e di analisi dei dati e sono state strutturate partendo dalle abilità di ciascuno e ambiscono all’acquisizione delle competenze linguistiche attraverso il metodo CLIL, ovvero l’apprendimento integrato di contenuto e lingua insegnando così sia la materia che la lingua.

Le classi partecipanti, dopo aver scritto il proprio capitolo, potranno continuare il lavoro strutturando il testo in lingua inglese e le attività di animazione espressiva proposte, legate al testo.
A conclusione della storia si avrà una pubblicazione in doppia lingua con la storia interamente in inglese, oltre che in italiano e una scheda didattica per ogni capitolo per il lavoro dell’insegnante in classe.

Clicca e scarica il libro della Staffetta Clil 2019/2020