Progetto Erasmus+: Bimed vola in Grecia

Il Progetto + aggiunge un ulteriore tassello al suo programma.
Bimed, infatti, dal 20 al 23 marzo p.v. sarà a Kavala (Grecia) per proseguire questo progetto che vuole unire quattro paesi europei mediante la scrittura.
Qui i partner del progetto, Liceo Classico “Torquato Tasso” di Salerno e Università telematica Pegaso, e i delegati delle scuole europee che aderiscono al progetto (Portogallo, Italia, Romania) avranno l’opportunità di prendere parte all’evento moltiplicatore Diversità e integrazione nella scuola di oggi organizzato dalla Scuola 6 Gel Kavalas.

Il progetto Erasmus di Bimed

Il progetto si articola in una serie di incontri, eventi e attività che hanno portato quattro delegazioni provenienti da paesi europei – Salerno (Italia), Craiova (Romania), Kavala (Grecia), Sesimbra (Portogallo)  – a incontrarsi e dialogare su un tema comune: 2030. Le delegazioni e i partner del progetto si sono già incontrati nelle città italiane, rumene e portoghesi. Dopo il meeting a Kavala, l’ultimo step si svolgerà nell’incantevole scenario delle Isole Tremiti. In questo angolo di paradiso, per la prima volta, s’incontreranno gli studenti delle 4 scuole che hanno preso parte al progetto.
Quello attivato per Erasmus+ è un progetto molto simile a una Staffetta. Si parte dall’incipit di uno scrittore, Luigi Calafiori, che rappresenta l’inizio di un racconto che, di volta in volta, le classi saranno chiamate a continuare nella scrittura di un unico romanzo in comune.

Il Presidente Iovino e il progetto Erasmus +

Andrea Iovino, presidente di Bimed, ha spiegato così l’importanza e l’alto valore sociale e umano di questo progetto: “Nonostante l’innovazione tecnologica, il trasferimento di ogni sapere non può che essere veicolato attraverso la parola, l’eloquio, il leggere, lo scrivere. La rappresentazione e l’humus di ogni contesto civile, passa attraverso il narrare. L’organizzazione di una storia, in fondo, altro non è che una metafora della vita stessa. È partendo da questi presupposti che abbiamo immaginato di mettere insieme ragazzi di quattro paesi europei. Perché possano scrivere insieme una storia. Nel nostro intento vi è il passaggio dalla scrittura di una storia alla possibilità di far sentire sempre di più i nostri ragazzi come protagonisti della Storia che dovranno compiere perché l’Europa possa essere quello che hanno immaginato i padri istitutori della Comunità Europea”.

L’evento moltiplicatore a Kavala

L’evento sarà dedicato all’integrazione scolastica e all’Inclusive Education che si pongono come obiettivo proprio quello di accogliere nel contesto scolastico gli alunni con difficoltà.
Oggigiorno, infatti, la scuola deve confrontarsi con la presenza, al suo interno, di alunni che necessitano di bisogni educativi speciali. La sfida, infatti, è quella di confrontarsi con deficit o patologie che rinviano a condizioni di disabilità che, se trascurate, possono generare insuccesso scolastico ed esclusione dai processi educativi. Per questo è importante ripensare alle ragioni e alle modalità gestionali e organizzative, attraverso le quali affrontare le attuali sfide educative che investono il sistema scuola.
Nell’affrontare queste tematiche l’evento promuoverà il terzo intellectual output, ossia i video prodotti dai diversi gruppi di studenti, legando al filo unico del progetto l’idea che la video-educational è uno strumento essenziale per la promozione delle proprie idee.
Il confronto attraverso la piattaforma Cyrano, le sceneggiature dei video scritti dagli studenti e la realizzazione dei video movies sono un continuum all’interno del progetto.
In occasione di questo evento moltiplicatore sarà istituito un apposito concorso per la presentazione dei video intitolato “Ciak si racconta!”

Kavala: la location del Progetto Erasmus +

Kavala è una delle città più interessanti della Grecia del Nord. A due ore di bus per Salonicco, è una città giovane inserita scenograficamente sulle dolci pendici del Monte Symvolon, a partire direttamente dal porto. Affascinante il centro storico, l’antico Quartiere di Panagia, dominato da una bella fortezza bizantina.

Kavala è ritenuta “pittoresca” per via delle sue case dall’aspetto balcanico aggrappate alle falde del monte Simvolo che sovrasta il porto pieno di imbarcazioni colorate. Nei suoi paraggi stanno alcune simpatiche spiagge come quelle di Paliò e Kalamitsi.