La Staffetta di Scrittura per la Cittadinanza e la Legalità è un format realizzato da Bimed che appassiona ogni anno centinaia di scuole ed enti locali di tutta Italia.

Il progetto coinvolge la scuola nella sua interezza – dirigenti, docenti, studenti, famiglie, istituzioni, territorio e biblioteche – in quanto mira a sostenere e diffondere le attività di scrittura e lettura delle scuole, offrendo alle nuove generazioni l’occasione di raccontarsi e di conoscersi attraverso le invenzioni della scrittura e le emozioni della lettura.

Le 10 classi delle 10 scuole che compongono ciascuna staffetta giungono, collaborando tra loro, alla realizzazione di un racconto scritto a più mani partendo da un’idea-guida.

Che cos’è, praticamente, la Staffetta?

La Staffetta, composta da 10 “squadre” dello stesso grado di scuola, è una storia scritta a più mani. Gli allievi che devono scrivere un capitolo, per arrivare al risultato finale, devono confrontarsi, fare sintesi e arrivare, in 10 giorni, a un unico testo condiviso in coerenza con quanto è giunto da soggetti esterni: l’incipit dello scrittore – un professionista della scrittura e della narrazione – o il testo elaborato da un’altra classe.

Come si evince dal nome, il meccanismo sportivo della Staffetta è stato traslato al mondo della scrittura.

Ogni anno Bimed sceglie un’idea-guida declinata poi in 5 temi a essa collegati e dedicati alle 5 categorie staffetta: MINOR, MAIOR, MEDIE, JUNIOR e SENIOR.

A partire dall’incipit di un autore, dieci classi di dieci scuole diverse che si trovano sia nel Nord che nel Sud del Paese, scrivono un capitolo fino ad arrivare a un libro di 10 capitoli. All’interno di ogni staffetta, quindi, una scuola scrive il primo capitolo della storia e passa il testimone alla seconda, che continua l’opera intrapresa col secondo capitolo, e così di seguito fino all’ultima scuola della staffetta. Il “passaggio del testimone”, ovvero del capitolo, avviene mediante una piattaforma online i cui dati d’accesso sono forniti ai docenti aderenti al format.

A guidare docenti e alunni nel processo di stesura del capitolo vi è il tutor, una figura professionale che non funge da stampella del docente, ma è garante delle articolazioni del processo. Egli infatti si occupa della storia dal punto di vista contenutistico e di coerenza col tema della categoria staffetta e di editing del testo.

Dopo la composizione della storia si attivano professionalmente le fasi di prestampa e stampa e, infine, il libro viene spedito a ognuno dei bambini e ragazzi che hanno contribuito alla scrittura della storia, ai docenti, e, più in generale, a tutte le scuole coinvolte nel processo formativo.
Da qualche anno, inoltre, alla Staffetta di Scrittura “canonica” sono state affiancate le cosiddette “staffette speciali”.

Quali sono le categorie Staffetta?

La Staffetta si rivolge alle scuole di ogni ordine e grado e quindi il suo target spazia dai bambini di 3 anni ai ragazzi di 18 anni. Ecco come si strutturano e in cosa si differenziano le categorie staffetta: 

MINOR -> Scuola dell’Infanzia e I, II classe Scuola Primaria
I bambini della Scuola dell’Infanzia, guidati dalle loro docenti, realizzano i quasi silent book, libri in cui – data l’età dei piccoli che prediligono il visuale al testo scritto – si dà molta più importanza alle immagini.
I bambini della Primaria, invece, realizzano un capitolo con 4 disegni e al massimo 200 parole che fungano da didascalia.

MAIOR -> III, IV, V classe Scuola Primaria
Per il triennio della Primaria è previsto un capitolo di 500 parole e un disegno.

MEDIE –> Scuola Secondaria I grado
I ragazzi delle scuole secondarie di I grado, che possiedono un bagaglio linguistico più ampio, realizzano un capitolo di 1200 parole e un disegno.

JUNIOR -> biennio Scuola Secondaria II grado
I giovani di questa categoria si occupano della stesura di  un capitolo di 1500 parole. Per tre anni la tematica scelta per le JUNIOR è stato il giallo, un genere letterario molto apprezzato dai ragazzi che si sono trasformati in provetti Conan Doyle e Agatha Christie.

SENIOR -> triennio Scuola Secondaria II grado
A questa categoria vengono affidate spesso tematiche rivolte al futuro e alla prospettiva. I ragazzi scrivono un capitolo di 1500 parole.

Quali sono le Staffette speciali?

Le Staffette speciali sono quelle che, affiancandosi all’idea canonica della Staffetta, si concentrano, però, maggiormente su altre discipline scolastiche.

Staffetta Scratch: rivolta alla categoria Maior
Scratch è un ambiente di programmazione gratuito, di tipo grafico. Il linguaggio, progettato per l’insegnamento della programmazione, è adatto agli studenti e agli insegnanti. I bambini, dopo aver realizzato il capitolo, potranno divertirsi insieme alla loro docente, a riportare quanto hanno scritto su questo programma trasformando graficamente la loro narrazione.

Staffetta Musicale: rivolta alle classi delle scuole secondarie di I e II grado a indirizzo musicale
Il percorso si muove su due livelli: quello di scrittura e quello musicale. Ogni classe, infatti, dovrà realizzare un capitolo e creare un brano musicale.

Staffetta Matematica: rivolta alle Scuole Secondaria di I (classi III) e  II grado (classi II)
Questa Staffetta “corre” come quella canonica con un’eccezione che accompagna tutta la storia. Già a partire dall’incipit i ragazzi leggendo troveranno un enigma matematico da risolvere. Dovranno poi crearne un altro per la classe successiva e così via fino ad arrivare al termine della narrazione e dei misteri matematici!

Staffetta Fotografica: rivolta alle Scuole Secondarie di II grado
In questa Staffetta, già a partire dall’incipit, vi è una fotografia o un video che esprime quanto narrato. La capacità degli scrittori dovrà essere quella, in ogni capitolo, di dar vita a una coerente narrazione scritta e… fotografica o video realizzando una foto/un video per ogni capitolo.

Staffetta Coreutica: rivolta alle classi delle scuole secondarie di I e II grado ad indirizzo coreutico
Questa Staffetta nasce dalla correlazione con il Piano delle Arti. Le scuole che parteciperanno la sperimentazione sono invitate  comporre una storia a partire dall’incipit assegnato alla Staffetta attraverso la scrittura di gruppo e  poi a tradurlo in coreografia.

Quali obiettivi vuole raggiungere Bimed con la Staffetta?

Uno degli obiettivi che Bimed persegue con la Staffetta è quello di mettere in contatto gruppi di allievi lontani tra loro e docenti che, pur non conoscendosi, decidono di condividere la produzione di una storia. A livello territoriale, infatti, sono coinvolte scuole italiane e straniere e, quindi, si creano relazioni tra piccoli comuni e città più o meno grandi, realtà del Nord, del Centro e del Sud Italia e altre realtà europee e non, come la Scuola Italiana di Madrid, di Barcellona, di Buenos Aires, di Bogotà, di Tunisi.
Bimed, nello strutturare come si alterneranno le classi nelle stesura dei capitoli, dà grande importanza a queste interazioni a distanza e anche al rapporto che si crea tra scuola e comuni, poiché il format è proteso verso la relazione tra scuola e territorio.
Ogni capitolo è uno spaccato di territori diversi ed è in qualche modo espressione della realtà da cui proviene.
Inoltre, scrivere un capitolo inserendosi in un racconto tracciato anche da altri, è un esercizio educativo di straordinaria rilevanza, per imparare a considerare il punto di vista altrui e per acquisire un consapevole approccio con la creatività, rispettando l’invenzione degli altri e lasciandosi andare al dialogo, alla condivisione, allo scambio che è sempre ricchezza.

Quali benefit ricevono i docenti iscrivendosi alla Staffetta?

Oltre alla grande soddisfazione personale che questo format offre ai docenti, vi sono numerosi benefit che possono essere d’aiuto al docente sia per quanto riguarda la propria formazione che per l’aspetto educativo-pedagogico.
Inoltre Bimed, ente accreditato Miur, certifica 25 ore di formazione ai docenti che hanno partecipato alla Staffetta.

Quanti alunni possono aderire alla Staffetta?

Si possono iscrivere gruppi semplici composti da un’intera classe (max 26 unità) o gruppi misti composti dagli alunni di più classi e sezioni in modo da raggiungere n° 26 unità.

Come iscriversi alla Staffetta?

Per iscriversi alla Staffetta occorre compilare la Scheda di Iscrizione e la Scheda Tecnica.
Per ulteriori informazioni chiamare allo 089 2964302.

Quanto corrisponde la scuola per partecipare alla Staffetta?

La scuola corrisponderà euro 148/00 per ogni squadra/classe comprensivi dei costi di prestampa, stampa, pubblicazione e spedizione alla scuola dei libri (in cui sono, peraltro, sono citati i nominativi di tutti i partecipanti all’azione: Dirigente Scolastico, Docenti e studenti).
È inoltre previsto l’invio dell’intera collana di racconti relativa al livello scolastico della scuola partecipante per l’ampliamento della Biblioteca della Scuola che determinerà coinvolgimento con l’ambito genitoriale e il territorio e inciderà sugli stimoli e sulle motivazioni dei ragazzi verso saperi e conoscenze che continuano a essere veicoli di Cittadinanza innanzitutto per mezzo della parola e della scrittura.

Clicca qui per sfogliare i libri della Biblioteca della Staffetta

A partire dal 2018 abbiamo iniziato a porre le basi per un cammino comune che ci porti fino al 2030, un anno che rappresenta un’importante svolta per noi e per i nostri ragazzi. Clicca qui per scoprire di che cosa si tratta.

Lascia un commento