Gek Tessaro incanta tutti alle Tremiti con il suo spettacolo: I Bestiolini

Leave a comment
Share

“In un prato apparentemente sembra che non ci sia quasi niente, i fiori, gli steli, le foglie qua e là. Ma siamo sicuri che sia tutto qua? Se in mezzo all’erba ti metti a cercare, tanti piccolini potrai incontrare: corrono, saltano, son birichini : ecco a voi I Bestiolini. La danza sgangherata dei molesti ma tenerissimi abitanti dei prati. In un prato apparentemente, sembra che non ci sia quasi niente :i fiori, gli steli, le foglie qua e là. Ma siamo sicuri che sia tutto qua? Se in mezzo all’erba ti metti a cercare, tanti piccolini potrai incontrare: corrono, saltano, son birichini :ecco a voi i Bestiolini.”

Questa la narrazi13331092_1005718042857191_6465430923132943342_none allegra, giocosa, tenera talvolta, semplice tanto da essere adatta ad un pubblico anche di piccolissimi , ma ricca al contempo di spunti di riflessione su temi molto impegnativi presenti nello spettacolo I Bestiolini, di Gek Tessaro, ispirato all’omonimo libro edito da  Franco Cosimo Panini Editore, Modena 2009.

Lo spettacolo propone  ai bambini occasioni per sperimentare la bellezza della musica coinvolgendosi direttamente e mettendosi alla prova con proposte studiate e che attingono alla tradizione.13413091_1005718246190504_2441095228821748317_n

Ricordiamo che Tessaro è anche  l’autore de “Il cuore di Chisciotte” vincitore lo scorso anno del Premio Andersen come miglior albo illustrato, ma assistere dal vivo ad uno spettacolo di Gek Tessaro è un vero dono.

Ci colpiscono le parole che Gek usa a proposito delle sue performances: “ Non si tratta di guardare uno che fa una cosa spiegando come si fa”, ma di “veder fare” che è anche “veder nascere”. La differenza la capisci stando lì, al buio, mentre davanti a te sul fondale del teatro rapide pennellate, proiettate da una lavagna luminosa, danno vita a paesaggi incantati sui quali in tempo reale spuntano alberi e sbocciano fiori, sussurri a tuo figlio “Guarda, guarda cosa fa!”. “Veder nascere una cosa bella è un’emozione che non si cancella facilmente.”

“L’immagine non è mai stata così narrativa” –continua Tessaro- essa racconta, divenendo se stessa, le parole e  la musica . Quest’ultima la vera protagonista, poiché in alcuni momenti viene avanti e io la disegno!13417696_1005718286190500_1905249283490303553_n

“Veder nascere una cosa bella è un’emozione che non si cancella facilmente!”

I protagonisti di questo spettacolo, infatti sono insetti, piccoli e semplici, senza pretese. Esserini minuscoli, che aspirano a un po’ di felicità, certi soltanto di voler esserci in questo mondo, “pieno di cose belle per chi sa vedere”. La magia e la musicalità di questo spettacolo hanno fatto da sfondo  nella fantastica e suggestiva location dell’area marina protetta delle Tremiti, in particolare l’isola di San Domino dove l’autore è stato  presente ai laboratori didattici della staffetta di scrittura creativa. L’autore ha collaborato anche quest’anno con Bimed per cui ha scritto due bellissimi incipit  L’elefante e il suo amico Martino e Carezze.

13407170_10208004864873881_3045827877921885839_n

Tessaro ha  saputo come sempre coinvolgere l’attentissima platea lasciando stupore, meraviglia e ammirazione sui visi di tutti i presenti. .

Poesia, musica e pittura: il teatro di Gek Tessaro è il luogo in cui questi tre mondi si incontrano per raccontare ai più piccoli Bellezza e Semplicità, coinvolgendoli in un’esperienza creativa che niente potrà cancellare…

About Daniela La Padula

Daniela La Padula - docente e collaboratrice staff Bimed

Lascia un commento

Video Gallery

Il blog della Staffetta

Inviaci una foto della tua classe, un brano, qualcosa scritto da te usando #staffetta

#staffetta

Corso gratuito di Educazione finanziaria

Clicca e scarica l'informativa